Comune di San Leo
Provincia di Rimini
P.zza Dante Alighieri 1 47865 San Leo (RN)
 

La sede

Stemma Comune San Leo

Piazza Dante Alighieri n.1
47865 SAN LEO (RN)
Tel. 0541-916211-916226
Fax. 0541/916184

P.I.  00315680413

e-mail:   (istituzionale)

municipio@comune.san-leo.rn.it


Posta elettronica certificata:

comune.san-leo@pec.it

 


Bandiera Arancione

Marchio di qualità turistico ambientale per l'entroterra del Touring Club Italiano

I Borghi più Belli d'Italia

La Città di San Leo fa parte de I Borghi più Belli d’Italia”, Club di Prodotto nato su iniziativa della Consulta del Turismo dell’Associazione dei Comuni Italiani (ANCI).

San Leo Comune Gioiello d'Italia

Il Comune di San Leo è risultato tra i vincitori nell’edizione 2012 del concorso “Gioielli d’Italia”. che certifica l’eccellenza delle iniziative messe in campo dal Comune per la valorizzazione dell’offerta turistica.


Informazioni turistiche [link]


al sito:

- http://www.san-leo.it/



 

 

 

San Leo

La Rocca
Il Castello

San Leo, detta già Montefeltro, è situata a metri 583 s.m., a 32 km. da Rimini, nella Val Marecchia (SS 258), su un enorme masso roccioso tutt'intorno invalicabile;
vi si accede per un'unica strada tagliata nella roccia.

Sulla punta più alta dello sperone si eleva l'inespugnabile Forte, rimaneggiato da Francesco di Giorgio Martini, nel XV secolo, per ordine di Federico lll da Montefeltro.

L'antichissima città che fu capoluogo (dall'origine alla fine) della contea di Montefeltro e teatro di battaglie civili e militari per circa due millenni, assunse con Berengario II il titolo di Capitale d'ltalia (962-964). S. Leone (sec. IV d.C.) ne fu l'evangelizzatore.

La città ospitò Dante ("Vassi in San Leo...") e S. Francesco d'Assisi, che qui ricevette in dono il Monte della Verna dal Conte Orlando di Chiusi nel Casentino (1213). Si conserva ancora la stanza ove avvenne il colloquio fra i due uomini.

Nel forte, trasformato in prigione durante il dominio pontificio, furono rinchiusi il Conte di Cagliostro, che vi morì nel 1795, e Felice Orsini (1844).

Notevole il patrimonio architettonico conservato:

la Pieve preromanica, il Duomo romanico lombardo del sec. Xll, il Forte; Il Museo di Arte Sacra recentemente allestito nel Palazzo Mediceo, sparsi sul territorio comunale, i ruderi di diversi castelli, tra i quali quelli di Pietracuta, e di Piega, il convento francescano di S. Igne, il convento domenicano di Monte di Pietracuta, la chiesa di Montemaggio, con un pregevole soffitto di legno a cassettoni.

Il panorama che si gode da San Leo è uno dei più belli e caratteristici della regione la vista spazia sui monti circostanti e lungo, la vallata del Marecchia, fino al mare.

Dotata di moderni impianti sportivi, annovera oltre ai campi da calcio i, campi da tennis, una avio superficie dove è possibile praticare il volo a vela (aliante). Dalle rocce del monte San Severino e possibile decollare con il parapendio.




































































Comunicato Stampa

San Leo, 22 aprile 2015

 

Giovedì 23 ore 21,00 a San Leo, Palazzo Mediceo, è convocato il già preannunciato Consiglio Comunale di San Leo avente quale principale argomento l’ORDINE DEL GIORNO contro la realizzazione da parte della Soc. CABE srl del progetto denominato  “impianto di trattamento e recupero di rifiuti inerti, di discarica di rifiuti inerti e di discarica di rifiuti speciali non pericolosi in località pian della selva in comune di San Leo rn”, sito ex cava di marne Buzzi-Unicem, in localita’ Pian  della Selva.

Il Consiglio, anche in linea con le intese dell’assemblea pubblica del Comitato “San Leo dice NO alla discarica”, tenutasi venerdi 17 marzo nel teatro di Pietracuta, segue le precedenti prese di posizione di sabato 11, lunedi 13, mercoledi 15 e venerdi 17 marzo medesimo.

L’ ordine del giorno presentato dal Sindaco per il gruppo consigliare gruppo “Progetto Comune” impegna  (in sintesi) l’Amministrazione ad esprimere, anche con questo atto, netto e formale dissenso riguardo al progetto “impianto di trattamento e recupero di rifiuti inerti, di una discarica di rifiuti inerti e di discarica di rifiuti speciali non pericolosi  in loc. Pian della Selva”.  

Fra le varie motivazioni si evidenziano:

 

a)       contrarietà del progetto agli indirizzi generali di pianificazione finora approvati

b)       contrarietà del progetto alle finalità di recupero ambientale dell’area (PUA), incompatibile con il progetto delle suddette discariche;

c)       contrarietà alla modifica urbanistica necessaria per installare una attività di discarica;

d)       interessi relativi alla perdita di immagine del territorio comunale, amato e conosciuto per i propri valori ambientali, culturali, paesaggistici, da anni volutamente e fortemente valorizzati ed accentuati da investimenti ed azioni dell’Amministrazione Comunale, con iniziative univocamente rivolte verso lo sviluppo sostenibile;

e)       rischio di compromissione dello sviluppo turistico, agricolo/rurale di un territorio di eccellenza, vanto della Provincia di Rimini e della Regione Emilia Romagna, territorio comunale titolare di vari riconoscimenti di qualità, fra i quali si evidenziano “Città Gioiello d’Italia” (Ministero Turismo) , “Borghi più belli d’Italia” (ANCI),  “Borgo Bandiera Arancione” (TCI) e che registra costanti progressioni annuali, anche in termini di statistiche turistiche (arrivi/pernottamenti)

f)         transito aggiuntivo di traffico pesante sulle strade comunali e provinciali

Sul versante tecnico, l’Amministrazione Comunale, uno degli Enti partecipanti alla prima Conferenza dei Servizi per la Valutazione di Impatto Ambientale V.I.A. del 24 marzo 2015, ha già richiesto integrazioni documentali per la scadenza del 10 aprile (fra cui la redazione di una Valutazione di Impatto Sanitario da svolgersi con il contributo di ARPA ed ASL, base per esprimere parere dal punto di vista sanitario)  e si accinge, grazie a comprovate competenze esterne, (società di consulenza ambientale in cui Amministrazione e Comitato ripongono comune fiducia), a formalizzare l’elenco delle osservazioni entro la scadenza del 10 maggio, termine entro cui tutti i portatori di interesse potranno esprimere formali rilievi. Nel mentre, procedono gli incontri per intercettare i vari portatori di interesse, rendicontabili nel processo di V.I.A. (14 aprile: Associazioni ambientaliste provincia di Rimini, 15 aprile: Comitato San Leo dice NO alla discarica, tutte le Associazioni di volontariato del Comune di San Leo, 16 aprile: Dip. Territorio ed Istituto Sicurezza Sociale Repubblica di San Marino, 22 aprile: giunta di Castello di Chiesanuova), mentre sono in organizzazione altri appuntamenti con i residenti della zona, esercenti, altre associazioni, ecc per allargare al massimo il contributo dei “portatori di interesse”.

Nel corso del Consiglio sarà data anche puntuale risposta all’interpellanza presentata dalla minoranza consigliare e sarà nuovamente illustrato il progetto presentato da CABE. Sono stati invitati anche altri Enti coinvolti nel processo di V.I.A.

La cittadinanza è invitata a partecipare.





comunicato congiunto Comune San Leo - Anpana


Da molti anni giaceva, abbandonato a sé stesso, nel piazzale dell’ex depuratore di Pietracuta, un corposo ed ormai vetusto rimorchio. Si trattava di un ingombrante e poco piacevole “manufatto in metallo e poliuretano, dotato di ruote gommate” , ampiamente utilizzato in passato, finché funzionante, per sagre paesane (magazzino, bar).

Grazie all’iniziativa di due guardie eco zoofile di Anpana, Marco Gennari e Carla Nicolini, alla fattiva collaborazione ed all'operatività della Polizia Municipale di San Leo, con il concorso di alcuni privati, ora il problema è stato risolto.

Dopo verifiche per allineare le competenze, i protagonisti e le azioni da eseguire per la sistemazione, con la collaborazione dell’ Ufficio Tecnico di San Leo, gli operatori della Ditta Giannini Demolizioni hanno iniziato e concluso in data 16.04.2015 le operazioni di rimozione, demolizione e riciclo dell’ingombrante mezzo.

Così, con viva soddisfazione, la segnalazione ed il lavoro dei volontari di ANPANA ha permesso, grazie anche ad un valido gioco di squadra pubblico/privato e senza oneri per la collettività, di rimuovere correttamente il problema. L’Amministrazione ringrazia coloro che hanno collaborato.




AVVISO

A PROPOSITO DELLA “DISCARICA”

 

Come è noto, la CABE SRL (UNA PERSONA GIURIDICA) ha recentemente esercitato un diritto soggettivo presentando alla PROVINCIA DI RIMINI, al fine di ottenerne l’autorizzazione alla realizzazione, un progetto denominato:

“IMPIANTO DI TRATTAMENTO E RECUPERO DI RIFIUTI INERTI, DI DISCARICA DI RIFIUTI INERTI E DI DISCARICA DI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI IN LOCALITÀ PIAN DELLA SELVA IN COMUNE DI SAN LEO (RN)”

(Il D.Lgs. 152/2006 e s.m.i. disciplina la gestione dei rifiuti e stabilisce che il rilascio delle autorizzazioni necessarie per realizzare nuovi impianti di smaltimento e di recupero dei rifiuti appartiene al Servizio Ambiente Difesa del Suolo e Tutela del Territorio della Provincia di riferimento).

 

Il COMUNE, non essendo parte attiva per le eventuali autorizzazioni si è riservato di intervenire nel “dibattito” non appena appurato il reale tenore dell’intervento, per ora richiedendo integrazioni fondamentali nell’ambito della relativa Procedura di V.I.A., gestita dalla Provincia.

 

Tuttavia, L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE, intende diffondere la seguente dichiarazione:

 

SIA BEN CHIARO PER TUTTI I CITTADINI LEONTINI CHE, PUR NEL RISPETTO DEI LEGITTIMI DIRITTI DI CIASCUNO, L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE IMPEDIRÀ CON OGNI MEZZO LECITO A SUA DISPOSIZIONE LA REALIZZAZIONE SUL TERRITORIO COMUNALE DI QUALSIVOGLIA INIZIATIVA CHE ABBIA LA CAPACITÀ DI DANNEGGIARE, SOTTO L’ASPETTO AMBIENTALE, PAESAGGISTICO, ACUSTICO, SANITARIO, IL NOSTRO MERAVIGLIOSO COMUNE.

SAREMO ALTRESÌ, IN NOME E PER CONTO DELLA CITTADINANZA, L’ULTIMO BALUARDO A DIFESA DEL TERRITORIO. PER QUESTO MOTIVO CHIEDIAMO A TUTTI I CITTADINI COLLABORAZIONE E VICINANZA E DI ALLONTANARE COLORO CHE, ANZICHÉ AVERE A CUORE SAN LEO, CAVALCANO LA VICENDA PER MERA SPECULAZIONE POLITICA, DIFFONDENDO NOTIZIE FALSE, TENDENZIOSE, ACCOSTANDO ATTI BEN DISTINTI CON ALLUSIONI O TEOREMI SENZA FONDAMENTO.

OGGI PIÙ CHE MAI DOBBIAMO ESSERE UNITI ATTORNO ALL’OBIETTIVO, FERMO E INOSSIDABILE, DI SALVAGUARDARE SAN LEO, LA SUA STORIA, LA SUA UNICITÀ, LA SUA BELLEZZA.

 

L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI SAN LEO





Comunicato Stampa

 

San Leo, li 10 aprile 2015

 

Procedura di VIA Impianto CABE – Comune di San Leo (RN) loc. Pian della Selva - Richiesta di integrazioni

 

Facendo seguito alla conferenza dei servizi tenuta il giorno 24 marzo 2015, l’Amministrazione Comunale in data odierna ha formalizzato, entro i termini concessi (10 aprile) alla Provincia di Rimini la propria richiesta di integrazioni in merito alla documentazione presentata dall’azienda, alla medesima Provincia. Si ricorda che per le “osservazioni” vi è invece altro tempo.

 

Preso atto della documentazione presentata dalla ditta CABE ai fini del procedimento di V.I.A. per la realizzazione di un Impianto di trattamento e recupero di rifiuti inerti, di discarica di rifiuti inerti e di discarica di rifiuti speciali non pericolosi in località Pian della Selva,  le richieste di integrazioni riguardano importanti aspetti - che vanno ben compresi - per una compiuta valutazione e consistono in:

 

1) si richiede che la ditta CABE presenti un piano di informazione e divulgazione dei dettagli, anche tecnici, costruttivi e di esercizio dell’impianto, da destinare alla popolazione residente ed ai portatori di interesse, anche associati, sulla base di indicazioni fornite dalla Provincia di Rimini che gestisce l’intero procedimento amministrativo di VIA come Ente competente;

 

2) Valutato il fatto che l’insediamento dell’impianto ed il suo esercizio possono far nascere comprensibili dubbi sulla sua sostenibilità sanitaria, considerato il fatto che la popolazione residente va informata con dettaglio scientifico sugli effetti che l’impianto potrebbe generare sulla salute, l’Amministrazione scrivente ritiene fondamentale ed imprescindibile che la ditta CABE presenti una Valutazione di Impatto sulla Salute (V.I.S.) preventiva/prospettica, affinché attraverso procedure, metodi e strumenti da condividere con AUSL ed ARPA, si possano stimare, con sufficiente certezza, gli eventuali effetti sulla salute dei cittadini di San Leo e dei territori confinanti. La presentazione della VIS permetterà a tutti gli Enti/Autorità coinvolti di poter esprimere un parere ed una volontà compiutamente informata, sulla base di conoscenze sistematiche e condivise, in merito all’eventuale e possibile ricaduta futura sulla salute, in modo da garantire il benessere della comunità e la sostenibilità dell’ambiente. 

La VIS, inoltre, permetterà alla popolazione di prendere esatta coscienza e trarre precisa contezza, con precisione scientifica, della obiettiva quantificazione del rischio sanitario nei suoi aspetti biomedici, evitando quindi le comprensibili percezioni soggettive del rischio.

 

3) Il Comune di San Leo, inoltre, richiede che la ditta CABE esponga, se ed in quale modo, intenda indennizzare le varie Amministrazioni comunali coinvolte dagli eventuali impatti dell’impianto, e quindi, dal disagio collettivo provocato dal suo esercizio, così come avviene, ad esempio, per i termovalorizzatori e le discariche che gestiscono rifiuti urbani. Si richiede, pertanto, di specificare un quadro di massima circa l’indennità/contributo a ristoro del disagio ambientale, da destinare alle Amministrazioni comunali, affinché queste siano economicamente sostenute nel realizzare (cosi come previsto nella specifica delibera ATERSIR):

“a) misure e interventi per la prevenzione, riduzione e/o eliminazione degli impatti ambientali;

b) la manutenzione del manto stradale per le strade soggette alla maggiore e più rapida usura a causa dei mezzi diretti all’impianto;

c) interventi sul traffico veicolare finalizzati a migliorare il flusso veicolare in accesso all’impianto e a minimizzarne l’impatto in termini di rumore, traffico e emissioni”

 

Infine, si sottolinea che la VIS è una opportunità per approfondire la conoscenza del benessere generale della comunità, nonché di comunicare e condividerne i contenuti con tutti i portatori di interesse. In questo modo si favorirà sia il processo democratico e partecipativo, sia lo sviluppo sostenibile della comunità.

 

E’ soprattutto necessaria una valutazione che faccia emergere eventuali disomogeneità nella distribuzione degli effetti sulla salute per scongiurare la disuguaglianza nel diritto alla salute, e legittimi, in questo modo, una equa decisione collettiva.

 

Rimanendo disponibile per ogni chiarimento ed in attesa di vedere soddisfatte le richieste di integrazione formulate, si porgono i più cordiali saluti.




Incontro BIKE Marecchia

2° incontro partecipato del progetto Bike Marecchia ..

> leggi avviso






Comunicato stampa

Raccolta porta a porta - SAN LEO (RN)
-----------

Nel consiglio comunale del Comune di San Leo del 8 aprile 2015, fra i punti in programma vi è stata l’approvazione dell’ ordine del giorno sulla Raccolta Porta a Porta in Valmarecchia.

L’Europa (dir. 2008/98/CE) privilegia il riutilizzo/recupero della  materia ed oggi è imprescindibile incentivare lo sviluppo di  filiere  per  recuperare materia prima per il recupero e per creare nuove possibilità occupazionali.

Il  D.Lgs. 205/2010, peraltro, prevede di aumentare entro il 2020, la raccolta differenziata per il riutilizzo ed il riciclaggio del 50% in termini di peso, ed entro sempre il 2020 del 70% i rifiuti da costruzione/demolizione non pericolosi.

Nonostante il Piano Regionale dei Rifiuti, è ancora però assente in alta Valmarecchia una quantificazione puntuale della produzione del rifiuto RSU in grado di premiare chi più si impegna a fare raccolta differenziata. Infatti, malgrado tutto, l’attuale modalità di determinazione del costo del servizio (così come imposto dal livello centrale - TARI 2014), non riesce a rendere adeguatamente merito all’impegno delle famiglie e della aziende virtuose.

Nel 2009, la Comunità Montana aveva realizzato uno studio per il passaggio dei 7 comuni alla raccolta Porta a Porta “spinta” ed in seguito, i soli Comuni di San Leo, Novafeltria, S. Agata Feltria, avevano intrapreso, ad inizio anno 2009, il percorso per traghettare il territorio verso la gestione virtuosa del ciclo integrale dei rifiuti con il metodo “porta a porta spinto”, percorso interrotto da molteplici vicende.

Oggi, anche la recente azione propulsiva nel far esprimere le Amministrazioni Comunali,  da parte del “comitato di vallata per la raccolta porta a porta”, con una importante animazione, incontri e riunioni molto frequentate, lascia supporre che, contrariamente a quanto accaduto nel 2009, vi siano condizioni più favorevoli.

Nonostante il centro storico di San Leo (grazie all’azione dell’Amministrazione Comunale) sia già programmato quale sito con “Porta a Porta”, come da Piano degli Investimenti approvato da A.T.O./ ATERSIR, l’Amministrazione concorda che sia comunque auspicabile l’applicazione in tutto il territorio comunale.

(Visto l’aumento progressivo del costo di smaltimento a tonnellata, cresciuto sensibilmente anche dal 2009 ad oggi, fino a giungere a circa 130 euro/tonnellata  e vista la necessità di contenere le tariffe, in controcorrente con quanto obbligatoriamente accaduto in questi anni, soprattutto per vincoli a livello governativo (obbligo di utilizzare i criteri TARES, TARI), e premiare finalmente la buona volontà del singolo)

il Consiglio Comunale di  San Leo con l’approvazione dell’ordine del giorno, intende promuovere la  raccolta porta a porta dei rifiuti sul proprio territorio, attraverso un progetto condiviso con gli altri comuni dell’Unione Val Marecchia, da attuarsi  attraverso l’affidamento   ad una  società in house e secondo tempistiche che potranno essere differenti nelle diverse realtà,  a causa delle singole specificità amministrative.

 



Assegnazione contributi famiglie numerose

Avviso Pubblico

Domanda per l’assegnazione di contributi a favore delle famiglie con un numero di figli pari o superiore a quattro (fiscalmente a carico)


> Avviso

> Domanda






Bando Servizio Civile

Progetti Servizio Civile Volontario

Regione Emilia Romagna


> Volantino servizi

> Sintesi progetto

> Domanda

> Dichiarazione


la scadenza è stata prorogata al 23 Aprile 2015




Disposizioni in materia di prescrizioni di massima di Polizia Forestale ed in merito al Regolamento in materia agro forestale e difesa del suolo


Comunicazione del Presidente dell'Unione di Comuni, che riassume le principali disposizioni di legge e regolamentari locali, agro forestale e di difesa del suolo, con specifico riferimento alla tenuta e/o conduzione dei terreni agricoli.

> leggi la comunicazione






Comunicato stampa

 

San Leo, 30 marzo 2015

Report frane in territorio comunale.

 

Nella mattinata di lunedì, l’Amministrazione Comunale ha comunicato al Servizio Tecnico di Bacino Emilia Romagna il bilancio , pesante, a seguito degli eventi atmosferici del maggio (dal 4 febbraio ad oggi).

L’elenco inviato al STB, per le situazioni più gravi, difficilmente affrontabili in autonomia, per un importo complessivo di stimato di 485.000 euro, considera solo 15 su 31 dei fenomeni di dissesto idrogeologico più ruileventi (che itnerssanno le sedi stradali di Capicchio, Valle di Sotto, Pietracuta loc. Maiano, Cà Boncio, Gavinaccia, Campolungo, Le Iole, Monte di Pietracuta, Giogano.

Per alcune di queste frane sono state emanate apposite ordinanze di modifica viabilità; transito a senso unico a Maiano, Le Iole o completa interruzione a Gavinaccia, Valle di sotto.

Alla luce di questi episodi, che si sommano ai tanti dissesti segnalati dagli altri Comuni della Valconca e Valmarecchia, pare purtroppo che in Provincia di Rimini si sia raggiunto un numero tale da rappresentare un vero e proprio record negativo.

Anche per questo, va lodato il costante lavoro del Servizio Tecnico di Bacino Regionale, già intensamente impegnato con le frane di Serre di Verucchio (14 evacuati) il crollo di porzione della rupe (8 evacuati), le alluvioni in bassa valle (Santarcangelo, Rimini).

 


Ora della terra - WWF

Nella mattinata di sabato 28 febbraio, 3 classi della scuola media di San Leo hanno fatto visita all’impianto fotovoltaico di titolarità comunale, il più grande impianto di produzione di energia verde dell’alta valle.

La visita didattica era prevista nell’ambito della manifestazione internazionale del WWF “ora della terra” ed è stata gestita in collaborazione con tecnici del settore, spiegando l'origine ed i benefici dell'impianto.

Quale gesto simbolico, luci spente in Fortezza per un’ora,in collaborazione con WWF Rimini.

 

Frane


Sono ben 32 i dissesti idrogeologici censiti ed attivatisi nei mesi di febbraio e marzo 2015, come in tutto l’entroterra provinciale. Un numero altissimo ed impressionante che ha pesantemente impegnato i tecnici comunali nel porre primi rimedi e nel censire ed inviare al Servizio Tecnico di Bacino ed all’Agenzia di Protezione civile Regionale,le tante schede descrittive, alla rcierca di un aiuti economico per affrontare un numero così elevato di criticità.

Gavinaccia, Monte, Maiano, Fontanelle, Legnanone, Fonte Serena, Le Iole... praticamente diffuse in tutti i 54 kmq del territorio comunale.


Inaugurazione fontana restaurata

INAUGURAZIONE DELLA RESTAURATA FONTANA DI SAN LEO – PIAZZA DANTE – DOMENICA 22 marzo ore 16.00 SAN LEO – GIORNATA MONDIALE DELL’ACQUA

 

Nella tempestosa notte tra il dieci e l’undici novembre 2013 , il caro "olmo di San Francesco" (in realtà un bellissimo esemplare di Bagolaro piantato nel 1936 nello stesso luogo in cui la tradizione vuole che San Francesco, di passaggio a San Leo si sia fermato  a predicare su un tema tanto in voga all'epoca "tanto è il bene che m'aspetto c'ogni pena m'è diletto") rovinò a terra, danneggiando peraltro la neoclassica Fontana di Piazza Dante Alighieri.

Oggi essa torna a far bella mostra di sè dopo un accurato intervento di restauro, grazie al Comune di San Leo, ai tecnici, agli artigiani ed al grande lavoro del comitato spontaneo di associazioni Leontine per la raccolta fondi promossa da Associazione Pro San Leo, Associazione Circolo Acli, Associazione Comitato Turistico Leontino, Associazione Genitori, Associazione Circolo Scacchi e a più donazioni di privati.

Si evidenzia anche il contributo economico dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini

Il  bell'elemento architettonico, urbanistico e ornamentale fu edificato nel 1893 e già in passato subì dei danni alla parte superiore con l’asportazione del piatto e della pigna, pare da parte di un maldestro soggetto.

Piazza Dante è l'unico e speciale spazio aperto di San Leo, attorno al quale si affacciano gli splendidi edifici della Pieve Romanica, il Palazzo Della Rovere (sede del Municipio), il Palazzo Mediceo, Palazzo Nardini.

A pochi passi si trova il Duomo con la Torre Campanaria e dall'alto, a vedetta su tutto il borgo, la possente mole della Fortezza Rinascimentale.

Sappiamo quanto importante sia da sempre la funzione della Piazza, intesa come luogo d'incontro, d'affari, di politica, di religione.

E 'da sempre consuetudine, per i Leontini, indicare come luogo di ritrovo  o di appuntamento la Piazza; ricorrenti le espressioni "ci troviamo vicino alla fontana" oppure "ci vediamo sotto l'olmo".

La Fontana è tornata al suo splendore e a svolgere le sue funzioni e l’ "olmo di San Francesco", ancora minuto e timido, dopo essere stato nuovamente piantato (marzo 2014) in luogo di quello caduto, avrà tutto il tempo per crescere quale uno dei  simboli della Città.

“abbiamo scelto quale data significativa, quella della Giornata Mondiale dell'Acqua (22 marzo)” commenta il Sindaco Mauro Guerra “ l’Amministrazione Comunale è ben lieta di invitare la Cittadinanza all’inaugurazione della restaurata Fontana di San Leo. Il restauro è stato anche un modo per sperimentare una nuova modalità di lavoro per la comunità Leontina: enti pubblici - Comune, Soprintendenza Ravenna, Università di Bologna (tesi e rilievo laser scanner), privati, cittadini hanno agito e reperito congiuntamente le risorse necessarie, in sinergia, vivendo insieme il complesso percorso burocratico per un restauro delicato quale quello della Fontana, opera architettonica vincolata. Questo percorso verrà illustrato in un convegno con l’intervento dei protagonisti, Domenica dalle 16, per poi tagliare il nastro alle 18 circa, con l’accompagnamento musicale dei ragazzi della Scuola Primaria di San Leo”

La Giornata Mondiale dell'Acqua (World Water Day ) è una ricorrenza istituita dalle Nazioni Unite nel 1992, prevista all'interno delle direttive dell'agenda 21, risultato della conferenza di Rio.


Mercatino della Fortezza

In vista della prossima riapertura della manifestazione nota come "Mercatino della Fortezza", l'Amministrazione comunale chiede ai commercianti ed artigiani interessati, di inviare una apposita comunicazione ...

> leggi tutto ..






AVVISO PUBBLICO - ORTI SOCIALI

Indagile conoscitiva finalizzata alla verifica dell'interesse ad assumere in concessione gratuita un appezzamento di terreno da destinare a orto


> leggi il bando


AVVISO: la scadenza di presentazione delle richieste è stata prorogata al

30 Aprile p.v.


RIAPERTURA TERMINI DANNI DA NEVE 2012 SU IMMOBILI AD USO PRODUTTIVO O AD USO ABITATIVO RURALE

Riapertura termini per la presentazione delle " Domande di contributo per danni da neve febbraio 2012" relative ad attività produttive e unità abitative rurali (Deliberazione della Giunta regionale n. 138 del 16 febbraio 2015).
Presentazione delle domande entro il 25/03/2015.
      Per informazioni consultare il sito dell’ Agenzia Regionale di Protezione Civile cliccare qui:
      protezionecivile.regione.emilia-romagna.it/servizi/eventi-calamitosi/nevicate-anno-2012


Graduatoria accesso Edilizia Residenziale Pubblica


TARI - Tassa rifiuti

Agevolazione in favore dei soggetti utilizzatori del sistema di compostaggio domestico.


L’ Amministrazione comunale tiene a precisare che, come previsto dal Regolamento comunale, al fine dell’ottenimento del beneficio previsto per coloro che utilizzano il sistema di compostaggio domestico, è necessario essere iscritti in un apposito “registro”, dal quale il servizio tributi può individuare i beneficiari dello sgravio per il periodo successivo alla data di presentazione.

Pertanto, anche coloro che sono entrati in possesso delle c.d. “compostiere” distribuite direttamente prima dell’anno 2011 dalla Comunità Montana Alta Valmarecchia o da altri soggetti, devono presentare apposita richiesta di iscrizione, per la quale non sono previsti oneri bolli o diritti di alcun genere, recandosi presso il Comune di San Leo o l’ufficio delegazione comunale di Pietracuta.

Alternativamente, il modello di domanda è disponibile sul sito internet del Comune di San Leo: http://www.comune.san-leo.rn.it nella sezione Documenti e Atti dell’Ufficio Tributi.

Per informazioni è possibile contattare il Comune di San Leo al n. 0541/916211 o l’ufficio delegazione di Pietracuta al n. 0541/923070.


Pronto Polizia Locale Italia

il nuovo servizio che consente ai cittadini di inviare segnalazioni al comando di polizia locale competente ..

> comunicato stampa










Comunicato Stampa

San Leo, 9 settembre 2014

 

SAN LEO approva il regolamento e le aliquote per l’applicazione della TASI.

 

Il Consiglio Comunale di San Leo nella serata di ieri 8 settembre ha approvato due importanti provvedimenti, propedeutici alla determinazione del Bilancio di Previsione 2014 in discussione alla fine del mese di settembre. Sono il regolamento per l’applicazione della TASI e la definizione delle aliquote.

 

La TASI riguarda i servizi rivolti alla collettività. E’ una tassa diretta a coprire il costo per i servizi indivisibili forniti dai Comuni quali ad esempio l’illuminazione, la sicurezza stradale, il trasporto pubblico, la manutenzione delle strade,  la gestione e manutenzione degli edifici ospitanti le scuole elementari e medie.   Insomma, tutti quei servizi che vanno a vantaggio dei cittadini.

 

Per l'anno 2014 le scadenze dei versamenti sono fissate al 16 ottobre per l'acconto e al 16 dicembre per il saldo.  A breve nel sito web del Comune di San Leo (http://www.comune.san-leo.rn.it) saranno pubblicate le istruzioni per effettuare i versamenti

Il tributo porterà un gettito di circa 112.000 euro, a fronte di una riduzione di trasferimenti statali di oltre 118 mila euro.” dichiara il Sindaco Mauro Guerra, “Le somme incassate copriranno solo il 26% rispetto ai 430.000 euro che il Comune presumibilmente spenderà per i servizi citati”. “Lo sforzo dell'Amministrazione Comunale di San Leo”, continua il Sindaco, “è quello di contenere al massimo la tassazione imposta dal governo centrale caratterizzata peraltro da continui cambiamenti che generano confusione al contribuente, (abolizione della TARES, istituzione IUC,TARI,TASI ed altri tributi con acronimi difficilmente comprensibili), ma contemporaneamente mantenere inalterato il livello dei servizi. In quest'ottica all’applicazione dell’aliquota che ammonterà al 2,5 per mille, a fronte di un massimo del 3,3 per mille (considerato che il valore catastale degli immobili nel comune di San Leo è storicamente inferiore ai Comuni della costa e della bassa Valmarecchia), abbiamo controbilanciato con una riduzione pari a 50 euro per ogni figlio a carico, oltre il secondo, di età inferiore a 26 anni (quoziente familiare),  con l’aliquota dello zero per mille sugli immobili agricoli strumentali – accogliendo le richieste delle associazioni di categoria -  così ampiamente diffusi nell’’esteso territorio leontino (54 kmq) e con l’esenzione del pagamento per tutti i soggetti affittuari.


---------



La TASI è il nuovo tributo che dal 1° gennaio 2014 sostituisce l'IMU sull'abitazione principale e la maggiorazione TARES di 0,30 centesimi a mq, non più in vigore.
Il nuovo tributo è diretto alla copertura dei costi dei servizi indivisibili, cioè di quei servizi erogati in favore della collettività la cui quantità non è misurabile singolarmente (ad esempio pubblica illuminazione, manutenzione di strade e verde pubblico, servizi anagrafici, ecc.).
Presupposto impositivo: il possesso o la detenzione, a qualsiasi titolo, di fabbricati, compresa anche l'abitazione principale e di aree edificabili, come definiti ai fini dell'IMU.
Soggetto passivo:Il soggetto tenuto al pagamento è il proprietario dell’abitazione principale, anche nelle fattispecie assimilate per legge o per regolamento. Considerato che l’articolo 13 comma 2 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201 definisce quale abitazione principale “… l'immobile, iscritto  o  iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, nel quale il possessore e il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente.”, ed alla luce delle aliquote adottate dal Consiglio Comunale, nulla è dovuto dagli inquilini.
Ogni possessore ed ogni detentore effettua il  versamento della TASI in ragione della propria percentuale di possesso, avendo riguardo alla destinazione, per la propria quota, del fabbricato, conteggiando per intero il mese nel quale il possesso si è protratto per almeno quindici giorni.
Base imponibile:
coincide con quella prevista per il calcolo dell'imposta municipale propria di cui all'art. 13 del decreto legge 201 del 2011. Pertanto il valore dell'immobile è determinato in base alla rendita catastale.
Sono considerate pertinenze dell’abitazione principale quelle classificate nelle categorie catastali C2, C6, C7 (massimo una per categoria).

SCADENZE PER IL PAGAMENTO:

1ª RATA : entro il 16 ottobre (sia per l'abitazione principale e relative pertinenze che per gli immobili merce (fabbricati costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla vendita))
2ª RATA : entro il 16 dicembre .
VERSAMENTO UNICO: entro il 16 ottobre

MODALITA' DI VERSAMENTO:

Il contribuente provvederà al calcolo del nuovo tributo TASI in autoliquidazione come di consueto avviene per l’IMU, versando obbligatoriamente tramite il modello F24.
Il versamento minimo annuale è stabilito in € 4,00.
Codici tributo per F24:
3958 – TASI su abitazione principale e relative pertinenze;
3961 – TASI per altri fabbricati
Codice Comune di San Leo: H949

ALIQUOTE TASI

Il Comune di San Leo, con deliberazione del Consiglio Comunale n.35 del 08/09/2014, ha stabilito le seguenti aliquote e detrazioni TASI per l'anno 2014.

•    aliquota TASI del 2,50 per mille per le abitazioni principali, diverse da quelle di lusso di cui alle categorie catastali A/1, A/8 e A/9, e relative pertinenze, ivi comprese le unità immobiliari ad esse equiparate dall'articolo 13, comma 2 del decreto legge n. 201 del 2011 e dal regolamento comunale IMU, escluse dal pagamento dell'IMU
•    detrazione a favore dei soggetti passivi di cui al punto precedente pari a € 50,00 per ogni figlio oltre il secondo, purché di età inferiore a 26 anni, dimorante abitualmente e residente anagraficamente nell’unità immobiliare adibita ad abitazione principale, fino a concorrenza massima dell'imposta dovuta;
•    aliquota TASI del 2,50 per mille per gli immobili merce (fabbricati costruiti e destinati dall'impresa costruttrice alla vendita)
•    aliquota TASI dello 0 (zero) per mille per tutte le altre fattispecie imponibili diverse da quelle di cui ai punti precedenti anche se eventualmente previste dal regolamento.

Conseguentemente i semplici detentori degli immobili (non proprietari o titolari di altri diritti reali di godimento) non sono tenuti ad effettuare alcun versamento.

> Regolamento TASI

> Estr. approvazione aliquote 2014













Nuova iscrizione anagrafica

Con Legge  23/5/2014 n.80 recanteMisure urgenti per l'emergenza abitativa, per il mercato delle costruzioni e per Expo 2015" è stato convertito con modificazioni il  D.L. 28/3/2014 n. 47 – di pari oggetto –.

In ottemperanza all’art. 5 comma 1 cpv. 1 della predetta legge  (Chiunque occupa abusivamente un immobile senza titolo non puo' chiedere la residenza ne' l'allacciamento a pubblici servizi in relazione all'immobile medesimo e gli atti emessi in violazione di tale divieto sono nulli a tutti gli effetti di legge.) si invitano i soggetti che intendono trasferire la residenza o cambiare il loro indirizzo nel Comune di San Leo ad allegare alla dichiarazione di residenza la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà qui allegata corrispondente al loro titolo di godimento dell’immobile e, precisamente:

1)       “dichiarazione proprietario” se proprietari dell’immobile in cui trasferiranno la propria dimora;

2)       “ dichiarazione proprietario per altri soggetti” in tutti gli altri casi ( inquilini, comodatari e quant’altro).

In difetto, la dichiarazione di residenza è improcedibile.




















Un aiuto concreto per il Tuo Comune

Perché è importante devolvere il 5xmille, x il tuo Comune,x il SOCIALE nella dichiarazione dei redditi.
Il cinque per mille, destinato al tuo Comune per i servizi sociali, può essere determinante per la qualità della vita dei soggetti più deboli.
La solidarietà in un gesto: una firma che NON COSTA NIENTE.



Ma.... cosa fa il Comune di San Leo sul sociale?
Ecco un breve report (non esaustivo):
Il Comune di San Leo è senza dubbio riconosciuto come quello più impegnato, proporzionalmente alla popolazione residente, nel campo dell’erogazione di numerosi servizi sociali ai propri cittadini, registrando un impegno economico che non ha paragoni fra i Comuni dell’alta valle. Il Comune, in stretta collaborazione con il Servizio Servizi Sociali della Ex Comunità Montana (ora Ufficio Unico Servizi Sociali Unione di Comuni Valmarecchia), si occupa di:
Area Povertà o disagio economico
- Istruttoria per l’accesso al Fondo Provinciale per l’Emergenza Abitativa, in collaborazione con la Provincia di Rimini (n.5 interventi)
- Progetti per l’inserimento sociale di anziani e soggetti svantaggiati (n.13 soggetti)
- Servizio di Inserimento lavorativo Adulti Disabili (n.7 “borse lavoro”), in collaborazione con Fondazione “Enaip” Rimini
- Erogazione di contributi economici alle famiglie con 4 e più figli (n.7)
- Istruttoria per l’accesso ai bonus economici per “luce e gas” (n.20)
- Istruttoria per l’erogazione di assegni nucleo famigliare e di maternità (n.14)
- Istruttoria per l’erogazione di contributi economici per le famiglie bisognose (n.7)
L’Amministrazione Comunale ha introdotto, per la prima volta, esenzioni od agevolazioni ancorate al reddito dei richiedenti in grado di intercettare maggiormente le situazioni di disagio economico (anziani con pensione minima, disoccupati di lunga durata, ecc) alla luce della inedita e pesante crisi in atto.
Area Anziani
- Presa in carico ed erogazione del servizio di Assistenza Domiciliare per Anziani non autosufficienti, in collaborazione con AUSL (n.7)
- Organizzazione del servizio per Soggiorni climatici anziani (n. 3)
- Presa in carico e erogazione del servizio Assegno di Cura per Anziani non autosufficienti, in collaborazione con AUSL (n.3)
- Presa in carico e Accesso alle Strutture Residenziali, Semi-residenziali per Anziani non autosufficienti in collaborazione con AUSL (n. 20)
- Integrazione delle rette per anziani soli inseriti in strutture residenziali (n.2) Area Infanzia, adolescenza e giovani
- Organizzazione e gestione servizio Centri estivi al mare (n.40 beneficiari/anno)
- Gestione del servizio di trasporto per il centro estivo denominato “Tana libera tutti” nel centro ippoterapico Mon-Tana e per la Piscina Rino Molari di Novafeltria (n. 10)
- Gestione ed organizzazione del centro di aggregazione giovanile “Danger” di Pietracuta (n.15 ragazzi) ospitato nei locali comunali ed iniziative collaterali (autogestione aula musica)
- Organizzazione del Servizio Civile Volontario,con tutoraggio
- Servizio Tutela dei Minori, in collaborazione con AUSL (n.6) Area Disabili
- Gestione del Centro Diurno per Disabili “Il Nodo” di Pietracuta di San Leo, in collaborazione con AUSL
- Organizzazione e gestione trasporto scolastico Disabili (n.1)
- Erogazione del servizio di assistenza educativa scolastica per alunni Disabili, in collaborazione con gli Istituti scolastici
- Erogazione del Servizio di Assistenza domiciliare Socio Assistenziale Adulti Disabili, in collaborazione AUSL (n.2)
- Erogazione del Servizio di Assistenza Educativa Domiciliare per Adulti Disabili, in collaborazione con AUSL (n.2)
- Pagamento delle rette per l’inserimento di minore disabili e disabili adulti in strutture residenziali e semiresidenziali (n.2) Area Immigrati
- Sportello intercomunale informativo consulenziale per stranieri (a Novafeltria)
- Servizio di assistenza linguistica per minori stranieri
Area Scuola:
- Sostegno a progetti didattici proposti dalle scuole comunali
- Gestione esoneri trasporto e mense scolastiche per famiglie in difficoltà economica (n.7)
Altri importanti risultati raggiunti, grazie alla collaborazione con altri enti
Grazie alla collaborazione con la Diocesi San Marino – Montefeltro, la Fondazione di religione San Paolo (di Pennabilli), la Provincia di Rimini ed i Comuni hanno attivato un protocollo per il sostegno e la gestione di un Centro intercomunale di prima accoglienza di Secchiano, in grado di intervenire temporaneamente per gravi problemi abitativi (16 posti letto), ormai purtroppo sempre più frequenti.
La collaborazione con CARITAS Diocesana è costante, sia per le emergenze abitative che per il sostegno alla povertà (pacchi viveri, contributi economici, ecc). La CARITAS rappresenta un fondamentale ed ulteriore punto di riferimento per situazioni di disagio che vanno monitorate congiuntamente, incrociando reciprocamente i dati.

>scarica allegato

Notizie

nessuna news in questa lista.

Bandi, concorsi, avvisi, ...

Dati non disponibili.

CM Alta Valmarecchia

VIDEO

Informazioni Turistiche

Musei della Città - Ufficio Informazioni Turistiche
tel. 0541916306 - 0541926967
fax 0541926973 -
numero verde 800553800
Apertura Ufficio Informazioni: Orario continuato, dalle 9.00 alle 18.00;

http://www.san-leo.it


Rete Teatrale Valmarecchia [link]

Novafeltria, Pennabilli, Poggio Torriana, Sant'Agata Feltria, San Leo e Verucchio

Portale Turistico La Valmarecchia [link]

San Leo Turismo

Informazioni Rimini e Provincia

URP

L'addetto all’Ufficio Relazioni con il Pubblico è il signor
Sandro Spada

Settore Affari Generali - Ufficio Segreteria
ricevimento: dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 13. 00
sabato dalle 8.30 alle 12.30
presso l’ufficio Delegazione Comunale di Pietracuta

Operazione Trasparenza [link]

Amministrazione Trasparente
 
© 2005-2015 Comune di San Leo - Gestito con docweb - [id]