Comune di San Leo
Provincia di Rimini
Siete qui: Home

Informazioni turistiche [link]


al sito:

- http://www.san-leo.it/



 

 

 

San Leo

La Rocca
Il Castello

San Leo, detta già Montefeltro, è situata a metri 583 s.m., a 32 km. da Rimini, nella Val Marecchia (SS 258), su un enorme masso roccioso tutt'intorno invalicabile;
vi si accede per un'unica strada tagliata nella roccia.

Sulla punta più alta dello sperone si eleva l'inespugnabile Forte, rimaneggiato da Francesco di Giorgio Martini, nel XV secolo, per ordine di Federico lll da Montefeltro.

L'antichissima città che fu capoluogo (dall'origine alla fine) della contea di Montefeltro e teatro di battaglie civili e militari per circa due millenni, assunse con Berengario II il titolo di Capitale d'ltalia (962-964). S. Leone (sec. IV d.C.) ne fu l'evangelizzatore.

La città ospitò Dante ("Vassi in San Leo...") e S. Francesco d'Assisi, che qui ricevette in dono il Monte della Verna dal Conte Orlando di Chiusi nel Casentino (1213). Si conserva ancora la stanza ove avvenne il colloquio fra i due uomini.

Nel forte, trasformato in prigione durante il dominio pontificio, furono rinchiusi il Conte di Cagliostro, che vi morì nel 1795, e Felice Orsini (1844).

Notevole il patrimonio architettonico conservato:

la Pieve preromanica, il Duomo romanico lombardo del sec. Xll, il Forte; Il Museo di Arte Sacra recentemente allestito nel Palazzo Mediceo, sparsi sul territorio comunale, i ruderi di diversi castelli, tra i quali quelli di Pietracuta, e di Piega, il convento francescano di S. Igne, il convento domenicano di Monte di Pietracuta, la chiesa di Montemaggio, con un pregevole soffitto di legno a cassettoni.

Il panorama che si gode da San Leo è uno dei più belli e caratteristici della regione la vista spazia sui monti circostanti e lungo, la vallata del Marecchia, fino al mare.

La Frazione di Pietracuta è dotata di moderni impianti sportivi, con campi da calcio e campi da tennis.

Dalle rocce del monte San Severino e possibile decollare con il parapendio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



Sabato 18 maggio 2019, nel torrione Martiniano della Fortezza di San Leo, Antonio Paolucci ha ricevuto la Cittadinanza Onoraria dalle mani del sindaco di San Leo, Dott. Mauro Guerra.

 


Sono orgoglioso e felice di ricevere questo riconoscimento che per me, riminese, significa tornare indietro nel tempo e ricordare San Leo così come mi appariva negli anni felici dell’adolescenza e della prima giovinezza. San Leo come la piccola patria lontana e segreta, il luogo del paesaggio, della natura, della cultura, a pochi chilometri di distanza dalle luci e dal clamore della riviera”.

“ Il Montefeltro “è più di un territorio, è una subregione come io dico sempre, ha tutti i caratteri fisici, geologici, antropici di una vera e propria subregione, dislocato com’è fra Romagna, Marche e Toscana, con alle spalle i grandi monti dell’Appennino e di fronte l’Adriatico”.

Il Carpegna, “questo gigante che vigila sulle Romagne e sulle Marche insieme ed ha il suo cuore tra le valli del Marecchia e del Foglia, un territorio di antichissimo meticciato, dove si sono mescolate lingue, dialetti, culture, tradizioni.Terra campo di battaglia, di scontro e di incontro, fra i grandi signori della guerra del 400: Sigismondo Malatesta, Federico da Montefeltro; terra frequentata  da artisti quali Piero della Francesca, Melozzo, Paolo Uccello…”

Paolucci ha dipinto San Leo come la “città che è stata colpita e attraversata dai marosi della storia che si sono rimescolati alla base della sua Fortezza: la San Leo del Re d’Italia Berengario, di San Francesco d’Assisi, che un giorno del 1213 ricevette proprio qui dal conte Orlando di Chiusi il dono del monte della Verna; la San Leo di Cesare Borgia, di Lorenzo de’ Medici…”.
Così  la Fortezza, la Rocca, “è un segno del territorio, una evidenza monumentale che marca lo scenario che ci circonda”.

Il Professore, attingendo dai propri ricordi, ha detto “Quando penso a San Leo, penso alla strada che facevo quando ero giovane e che mi è rimasta nella memoria e nel cuore, ed era la strada Marecchiese. Ad un certo punto si entra, ed è questo l’aspetto che mi ha sempre affascinato,in un paesaggio bellissimo e solitario, in un altro mondo, la Valmarecchia, con le sue montagne tondeggianti, con i suoi scogli aguzzi sormontati da Castelli dai nomi famosi, e infine San Leo col suo Forte spiovente sulla valle e con le sue chiese dalla calda pietra arenaria, con il colore del sole e del pane”.

Ad inizio cerimonia il Sindaco di San Leo, Mauro Guerra (al termine del suo II mandato, in sella dal maggio 2009)  ha introdotto il Prof. Paolucci, con aneddoti e rimandi: “...non si è mai risparmiato nel collaborare con la città di San Leo, rendendo merito pubblico all’antica Montefeltro ed ai suoi tesori, promuovendo costantemente la città nell’ambito dei più eccellenti circuiti culturali”.

Ma in modo particolare, l’affetto e la gratitudine di San Leo verso lo storico dell’arte, sono legati anche all’impegno da lui profuso a seguito di un evento drammatico, ancora ben vivo nella memoria: il crollo di una porzione della parete adriatica della Rupe, avvenuto il 27 febbraio 2014. In quella occasione Paolucci fu l’autorevole voce che si levò forte per aiutare e difendere San Leo: “aiutare San Leo è un dovere, non solo del governo ma di tutta la Nazione”, disse. “Abbiamo tra le mani uno dei borghi più belli d’Italia, anzi, il paesaggio più bello d’Italia”.
Ed ancora, con fulgida lucidità: “Purtroppo i crolli dalla rupe fanno parte della storia di San Leo, ci sono sempre stati. Il paesaggio si è modificato rispetto a quello che dipingeva Piero della Francesca nei suoi quadri. Resta comunque uno degli scorci più suggestivi del nostro Paese

Il Sindaco di San Leo, Mauro Guerra, dichiara che il messaggio di Paolucci è diventato un “vero e proprio appello alla mobilitazione in favore della nostra città”. E i frutti non sono mancati: “dal febbraio 2014 ha preso corpo un consistente flusso di risorse ministeriali e regionali per affrontare le criticità idrogeologiche, con monitoraggi, prevenzione, con interventi di consolidamento, poderosi e concreti come mai avvenuto in precedenza, sia alla base della rupe e sia sui versanti e che proseguiranno per molti anni

Una storica giornata per la comunità leontina, impreziosita dalle parole emozionanti del Professore “San Leo è la piccola patria che mi è rimasta nel cuore e che oggi mi accoglie addirittura facendomi concittadino, con ciò riempiendomi di felicità, di orgoglio e soddisfazione. Il ragazzo di tanti anni fa che veniva in bicicletta fino a qui, adesso è diventato cittadino di questo borgo da me tanto amato e sognato.

Inoltre, con piacere ed orgoglio, ha ricordato che fu proprio la Comunità Leontina, il 17 settembre 2017, in occasione della celebrazione dei 500 anni dalla Presa medicea di San Leo”, nel medesimo Torrione Martiniano, a suggerire la Cittadinanza Onoraria. Nell’occasione, con la sua accorata prolusione, aveva già ricordato il forte legame e l’apprezzamento per la Città. L’Amministrazione Comunale vuole peraltro proseguire, con nuove sfide, quali una iniziativa, in divenire, per ripercorrere la storia, anche rinascimentale, che lega San Leo, Firenze, Arezzo e San Marino.


Lotta alla zanzara tigre

Anche quest'anno è iniziata la lotta alla zanzara tigre nel territorio comunale.

Dalla data di pubblicazione sull'Albo pretorio entra in vigore l'ordinanza sindacale n. 20 del 10/05/2019 per la prevenzione e il controllo delle malattie trasmesse da insetti vettori, in particolare da zanzara tigre e zanzara comune con validità a tempo indeterminato e riferita al periodo Aprile/Ottobre compresi di ogni anno.

Considerato che in Italia, nel 2007 e nel 2017, si sono manifestate epidemie di febbre da Chikungunya e che nel 2018 si sono verificati numerosi casi di West Nile direttamente collegabili alle zanzare, vettori accertati di arbovirosi, l'intervento principale per la prevenzione di queste malattie è la massima riduzione possibile della popolazione di zanzare, rafforzando le azioni di lotta e agendo in primo luogo con la rimozione dei focolai e con adeguati trattamenti larvicidi.

Si chiede a tutti i cittadini, ai soggetti pubblici e privati, proprietari, affittuari, o che comunque abbiano l'effettiva disponibilità di aree all'aperto dove esistano o si possano creare raccolte di acqua meteorica o di altra provenienza, di leggere con attenzione l'ordinanza, e di mettere in atto, ciascuno per la parte di propria competenza, tutte le disposizioni previste, ponendo la massima attenzione a quanto previsto per eventuali interventi adulticidi.

L'ordinanza è consultabile in allegato al seguente link (ordinanza)
E' possibile scaricare la modulistica necessaria ai seguenti link (Allegato1) (Allegato2)
_________________________________________________________________

Il Comune di San Leo, effettua ogni anno, tramite ditte esperte del settore, la disinfestazione nelle aree pubbliche con prodotti larvicidi presso tutte le caditoie e tombini del territorio comunale ed interventi con adulticida nelle aree sensibili, secondo le indicazioni del Servizio di Sanità Pubblica dell'Ausl della Romagna. Sono disponibili inoltre confezioni di prodotto larvicida che è possibile ritirare gratuitamente presso l'ufficio Anagrafe.
_________________________________________________________________


LINK UTILI:
www.zanzaratigreonline.it/Campagnadicomunicazione/UltimeCampagneComunicazione.aspx
salute.regione.emilia-romagna.it/news/regione/il-fatto/zanzara-tigre-e-culex-necessario-proteggersi




Elezioni Europee e Amministrative

del 26 Maggio 2019

 

> Orario apertura straordinaria Ufficio Elettorale

 

 

 

 















il Centro per le Famiglie Valmarecchia propone:







































Volontariato giovanile in Valmarecchia e Bellaria Igea Marina

Sconti, premi e ... nuovi progetti di volontariato che vi aspettano

YoungERcard in Valmarecchia e Bellaria Igea Marina

 

> leggi l'avviso

 

 

 

 

 































Avviso pubblico

per la formazione e la tenuta di un elenco aperto di operatori economici da interpellare nelle procedure negoziate da esperire per gli appalti di lavori pubblici di importo pari o superiore ad €. 40.000,00 ed inferiore ad €. 1.000.000,00


[art. 36, comma 2, lett. b) e c), D.Lgs. 18.04.2016, n. 50 - Linee guida ANAC n. 4/2016, punti 4. e 5.]

 

> Leggi l'avviso

> Regolamento

> Istanza d'iscrizione

> Istanza integrativa

 

 

 

 

 








































































Nuova iscrizione anagrafica

Con Legge  23/5/2014 n.80 recanteMisure urgenti per l'emergenza abitativa, per il mercato delle costruzioni e per Expo 2015" è stato convertito con modificazioni il  D.L. 28/3/2014 n. 47 – di pari oggetto –.

In ottemperanza all’art. 5 comma 1 cpv. 1 della predetta legge  (Chiunque occupa abusivamente un immobile senza titolo non puo' chiedere la residenza ne' l'allacciamento a pubblici servizi in relazione all'immobile medesimo e gli atti emessi in violazione di tale divieto sono nulli a tutti gli effetti di legge.) si invitano i soggetti che intendono trasferire la residenza o cambiare il loro indirizzo nel Comune di San Leo ad allegare alla dichiarazione di residenza la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà qui allegata corrispondente al loro titolo di godimento dell’immobile e, precisamente:

1)       “dichiarazione proprietario” se proprietari dell’immobile in cui trasferiranno la propria dimora;

2)       “ dichiarazione proprietario per altri soggetti” in tutti gli altri casi ( inquilini, comodatari e quant’altro).

In difetto, la dichiarazione di residenza è improcedibile.


















Un aiuto concreto per il Tuo Comune

Perché è importante devolvere il 5xmille, x il tuo Comune,x il SOCIALE nella dichiarazione dei redditi.
Il cinque per mille, destinato al tuo Comune per i servizi sociali, può essere determinante per la qualità della vita dei soggetti più deboli.
La solidarietà in un gesto: una firma che NON COSTA NIENTE.



Ma.... cosa fa il Comune di San Leo sul sociale?
Ecco un breve report (non esaustivo):
Il Comune di San Leo è senza dubbio riconosciuto come quello più impegnato, proporzionalmente alla popolazione residente, nel campo dell’erogazione di numerosi servizi sociali ai propri cittadini, registrando un impegno economico che non ha paragoni fra i Comuni dell’alta valle. Il Comune, in stretta collaborazione con il Servizio Servizi Sociali della Ex Comunità Montana (ora Ufficio Unico Servizi Sociali Unione di Comuni Valmarecchia), si occupa di:
Area Povertà o disagio economico
- Istruttoria per l’accesso al Fondo Provinciale per l’Emergenza Abitativa, in collaborazione con la Provincia di Rimini (n.5 interventi)
- Progetti per l’inserimento sociale di anziani e soggetti svantaggiati (n.13 soggetti)
- Servizio di Inserimento lavorativo Adulti Disabili (n.7 “borse lavoro”), in collaborazione con Fondazione “Enaip” Rimini
- Erogazione di contributi economici alle famiglie con 4 e più figli (n.7)
- Istruttoria per l’accesso ai bonus economici per “luce e gas” (n.20)
- Istruttoria per l’erogazione di assegni nucleo famigliare e di maternità (n.14)
- Istruttoria per l’erogazione di contributi economici per le famiglie bisognose (n.7)
L’Amministrazione Comunale ha introdotto, per la prima volta, esenzioni od agevolazioni ancorate al reddito dei richiedenti in grado di intercettare maggiormente le situazioni di disagio economico (anziani con pensione minima, disoccupati di lunga durata, ecc) alla luce della inedita e pesante crisi in atto.
Area Anziani
- Presa in carico ed erogazione del servizio di Assistenza Domiciliare per Anziani non autosufficienti, in collaborazione con AUSL (n.7)
- Organizzazione del servizio per Soggiorni climatici anziani (n. 3)
- Presa in carico e erogazione del servizio Assegno di Cura per Anziani non autosufficienti, in collaborazione con AUSL (n.3)
- Presa in carico e Accesso alle Strutture Residenziali, Semi-residenziali per Anziani non autosufficienti in collaborazione con AUSL (n. 20)
- Integrazione delle rette per anziani soli inseriti in strutture residenziali (n.2) Area Infanzia, adolescenza e giovani
- Organizzazione e gestione servizio Centri estivi al mare (n.40 beneficiari/anno)
- Gestione del servizio di trasporto per il centro estivo denominato “Tana libera tutti” nel centro ippoterapico Mon-Tana e per la Piscina Rino Molari di Novafeltria (n. 10)
- Gestione ed organizzazione del centro di aggregazione giovanile “Danger” di Pietracuta (n.15 ragazzi) ospitato nei locali comunali ed iniziative collaterali (autogestione aula musica)
- Organizzazione del Servizio Civile Volontario,con tutoraggio
- Servizio Tutela dei Minori, in collaborazione con AUSL (n.6) Area Disabili
- Gestione del Centro Diurno per Disabili “Il Nodo” di Pietracuta di San Leo, in collaborazione con AUSL
- Organizzazione e gestione trasporto scolastico Disabili (n.1)
- Erogazione del servizio di assistenza educativa scolastica per alunni Disabili, in collaborazione con gli Istituti scolastici
- Erogazione del Servizio di Assistenza domiciliare Socio Assistenziale Adulti Disabili, in collaborazione AUSL (n.2)
- Erogazione del Servizio di Assistenza Educativa Domiciliare per Adulti Disabili, in collaborazione con AUSL (n.2)
- Pagamento delle rette per l’inserimento di minore disabili e disabili adulti in strutture residenziali e semiresidenziali (n.2) Area Immigrati
- Sportello intercomunale informativo consulenziale per stranieri (a Novafeltria)
- Servizio di assistenza linguistica per minori stranieri
Area Scuola:
- Sostegno a progetti didattici proposti dalle scuole comunali
- Gestione esoneri trasporto e mense scolastiche per famiglie in difficoltà economica (n.7)
Altri importanti risultati raggiunti, grazie alla collaborazione con altri enti
Grazie alla collaborazione con la Diocesi San Marino – Montefeltro, la Fondazione di religione San Paolo (di Pennabilli), la Provincia di Rimini ed i Comuni hanno attivato un protocollo per il sostegno e la gestione di un Centro intercomunale di prima accoglienza di Secchiano, in grado di intervenire temporaneamente per gravi problemi abitativi (16 posti letto), ormai purtroppo sempre più frequenti.
La collaborazione con CARITAS Diocesana è costante, sia per le emergenze abitative che per il sostegno alla povertà (pacchi viveri, contributi economici, ecc). La CARITAS rappresenta un fondamentale ed ulteriore punto di riferimento per situazioni di disagio che vanno monitorate congiuntamente, incrociando reciprocamente i dati.

>scarica allegato

La sede

Stemma Comune San Leo

Piazza Dante Alighieri n.1
47865 SAN LEO (RN)
Tel. 0541-916211-916226
Fax. 0541/916184

P.I.  00315680413

e-mail:   (istituzionale)

municipio@comune.san-leo.rn.it


Posta elettronica certificata:

comune.san-leo@pec.it

 


Bandiera Arancione

Marchio di qualità turistico ambientale per l'entroterra del Touring Club Italiano

I Borghi più Belli d'Italia

La Città di San Leo fa parte de I Borghi più Belli d’Italia”, Club di Prodotto nato su iniziativa della Consulta del Turismo dell’Associazione dei Comuni Italiani (ANCI).

San Leo Comune Gioiello d'Italia

Il Comune di San Leo è risultato tra i vincitori nell’edizione 2012 del concorso “Gioielli d’Italia”. che certifica l’eccellenza delle iniziative messe in campo dal Comune per la valorizzazione dell’offerta turistica.



L'EUROPA INVESTE NELLE ZONE RURALI


Importanti novità per il controllo degli impianti termici

Notizie

nessuna news in questa lista.

Bandi, concorsi, avvisi, ...

  • 25/05/19
  • CM Alta Valmarecchia

    VIDEO

    Fortezza di San Leo

    Museo d'Arte Sacra

    San Leo Incontra Francesco

    Alchimia Alchimie

    Descrizione San Leo in L.I.S.

    Visit the San Leo Fortress

    In volo su San Leo

    Cronache dal Rinascimento - Il duello Malatesta - Montefeltro

    La prigione di Cagliostro - QuotidianoNet

    Informazioni Turistiche

    Musei della Città - Ufficio Informazioni Turistiche
    tel. 0541916306 - 0541926967
    fax 0541926973 -
    numero verde 800553800
    Apertura Ufficio Informazioni: Orario continuato, dalle 9.00 alle 18.00;

    http://www.san-leo.it


    Rete Teatrale Valmarecchia [link]

    Novafeltria, Pennabilli, Poggio Torriana, Sant'Agata Feltria, San Leo e Verucchio

    Portale Turistico La Valmarecchia [link]

    San Leo Turismo

    Informazioni Rimini e Provincia

    URP

    L'addetto all’Ufficio Relazioni con il Pubblico è il signor
    Sandro Spada

    Settore Affari Generali - Ufficio Segreteria
    ricevimento: dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 13. 00
    sabato dalle 8.30 alle 12.30
    presso l’ufficio Delegazione Comunale di Pietracuta

    Operazione Trasparenza [link]

     

    Traspartenza, valutazione e merito

     

     


    Amministrazione Trasparente

    > vai alla pagina

     

     

    Amministrazione Trasparente

    Piano Prevenzione Corruzione e Trasparenza Provincia di Rimini 2018-20

    la Provincia di Rimini rende noto che con decreto del Presidente n. 10 del 31/01/2018 è stato approvato il Piano per la Prevenzione della Corruzione e per la Trasparenza 2018-20

    > vai alla pagina "Anticorruzione" della Provincia

    > consulta il Piano 2018-2020

    > leggi la Relazione RPCT per l'anno 2017

     

     

     


    Relazione di fine mandato

    Relazione inizio mandato


    > Relazione fine mandato 2014-2019

     

     

     

    > Rendiconto di fine mandato 2014-2019